ott 11, 2017
Corrado Poli

AUTONOMIA VENETA: precisazioni necessarie

Votare No significa rispettare le istituzioni referendarie, regionali (Consiglio che ha approvato praticamente all’unanimità il referendum) e costituzionali (che hanno approvato il quesito). Inoltre significa confrontarsi lealmente con la parte politica con cui si dissente. Astenersi significa unirsi all’anti-politica e al dileggio delle istituzioni, a usare furbescamente e strumentalmente il referendum, non per rispondere alla domanda specifica, ma per colpire un avversario che non si ha il coraggio e la capacità di affrontare a viso aperto nelle urne. Astenendosi si getta via il bambino (le istituzioni) assieme all’acqua sporca (il male che pur si rileva in esse).

Il referendum è stato approvato da un organo legittimo e legittimato dal voto dei cittadini: il Consiglio Regionale. Il Presidente che lo indice, non lo fa in quanto Presidente di una Giunta, ma quale rappresentante della Regione, cioè di tutti i cittadini, anche di chi (come me) non ha votato per lui. Il referendum sull’autonomia non è stato richiesto da un certo numero dei cittadini (come p.e. il referendum abrogativo) contro una legge approvata dai propri rappresentanti, ma dagli stessi rappresentanti che vogliono conoscere l’opinione dei loro elettori su un argomento specifico e ricevere un mandato per agire di conseguenza. Per questo, si può sostenere che esista non solo il diritto di voto, ma anche – per analogia – il dovere di voto come previsto dalla Costituzione. Infine, non metto in dubbio la legittimità formale dell’astensione, ma fare campagna contro il voto al fine di appropriarsi dei voti dei numerosi assenteisti strutturali non è leale; è una furbata politica di bassa lega che svilisce le istituzioni. A meno che non si punti a ridurre ancora di più la partecipazione politica dei cittadini disprezzando la partecipazione e contribuendo allo sfascio delle istituzioni. Nel tal caso è comprensibile definire “farlocca” una consultazione popolare così come Mussolini disprezzava le elezioni chiamandole “ludi cartacei” (finte battaglie di carta). Chi pensa che un sondaggio sarebbe stato sufficiente, trascura il valore simbolico delle elezioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *