La statua della libertà

Alla base della famosa Statua della Libertà a New York vi sono incisi i versi di Emma Lazarus pregni di speranza e misericordia. La poetessa li scrisse quando l’America era il sogno di una libertà ancora sconosciuta in Europa. E forse non a caso la Statua della Libertà è rappresentata da una donna che invoca la pace e invita all’accoglienza. Profondamente diversa dall’immagine di grandiosità dei passati imperi. Anche le parole evocano il genere della nuova nazione: non “un” gigante di bronzo, ma “una” madre potente che accoglie. La donna che accoglieva con la speranza invocava con l’entusiasmo di una giovane:  Oh […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

Gap

Ascoltando Janis Joplin

Io e la corsa dei 1500 metri Al contrario di Janis Joplin, non ‘scambierei tutti i miei domani per un solo ieri’. Anzi, sono entusiasta di vivere tutti i miei domani come sono ora, grazie ai miei ieri.   Nella mia vita, non ho rimpianti. Anzi uno solo: non ho mai corso i 1500 metri in 3’42”. Era il mio obiettivo – fallito – per la stagione del 1972. Ammetto che la cosa mi lascia ancora l’amaro in bocca. Vi spiego perché.  Sono sempre stato ambizioso e, come accade a tutti gli ambiziosi, mi sembra di avere ottenuto meno di quanto […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

La nebbia

Il giorno di Natale, verso l’una viaggiavo in un paesaggio padano con nebbia tra Este e Noventa. Suggestivo come non lo vedevo da anni. La nebbia, che era stata grigia e fitta per tutta la mattina, s’era appena un poco diradata e sempre più il Sole colorava delicatamente i prati, gli alberi, i fiumi e il cielo. Tutto appariva incerto, sfumato, di una bellezza dolcissima e inafferrabile come un desiderio… Finalmente, la nebbia aveva concesso una breve tregua. Fin da quando ero piccolo, la nebbia, quella fitta fittissima, mi dà la duplice sensazione di soffocarmi talvolta, e più spesso di […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

Gap

Di nuovo adolescente

Come potrò mai sopportare un’altra adolescenza? Mi sembra di viverla di nuovo… si chiama anzianità. Verso la soglia della vecchiaia. Come sessant’anni fa, percepisco la metamorfosi del mio corpo e l’aggrovigliarsi di diversi pensieri nella mia mente. Allora, le nuove scarpe rapidamente diventavano strette e le maniche di maglioni e pantaloni si accorciavano di mese in mese. Quando parlavo, mi sembrava di sentire un altro. Riflessioni insolite mi assalivano sfuggendo alla comprensione e sfidando i tentativi di metterle in ordine. Se io stesso non sapevo più chi fossi, come avrebbero potuto gli altri ancora riconoscermi? Desideravo giocare con i soldatini, dondolarmi sull’altalena […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

Adolescent again…

how can I bear it? It appears as though I am experiencing a newfound adolescence… one that goes by the name of old age. Much like in those bygone days, I sense the metamorphosis of my body and the encroachment of somber rumination within my mind. Six decades ago, new shoes swiftly grew constricting, while the sleeves of my sweaters progressively shortened with each passing month. My very voice underwent a transformation, such that, when I spoke, it seemed as if I were listening to someone else. Ominous or peculiar thoughts would seize me, eluding my comprehension and defying my […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

My sonnet for Aysha in Gaza

  Aysha my daughter’s playing on the ground Yehuda in his plane to Gaza is bound My children are my life I need nothing more He presses the button and fires shells four  In the dust I can’t see but hear people cry Above us Yehuda is bolting the sky Aysha is now sleeping he stole off her life He goes back to children and kisses the wife My sons will survive and many others too The chase has begun we know where go to The red of the blood will make grey dust shine I need not vendetta, I […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

La morale nel panino

Ricordo il trauma che subii quando mi recai negli Stati Uniti per la prima volta, quarant’anni fa. Compresi che in quel Paese, allora molto più lontano di oggi, ordinare un panino rappresentava un passaggio chiave, quasi un rito di iniziazione per gli stranieri. La prima volta che andai alla cafeteria (praticamente la mensa dell’università) chiesi semplicemente un panino al formaggio, “a sandwich with cheese, please”. Cos’altro avrei dovuto chiedere? Invece, la grossa cameriera nera con accento baltimorese-afroamericano iniziò un interrogatorio che ricordo come il più difficile degli esami che abbia sostenuto e certamente quello a cui ero meno preparato. Cominciò con il […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

Il grande caldo

Nel 2012, il Sole e la natura decisero di reagire all’arroganza umana. Gli umani immaginavano di essere gli unici esseri intelligenti e con un’anima mentre tutto il resto lo consideravano oggetti a loro disposizione. Non era così. Il Sole è un grande cervello come l’Oceano del pianeta Solaris. Comunica e agisce in tempi e modi non prontamente decifrabili agli umani, così come incomprensibili, senza un poco di applicazione, sono il linguaggio delle piante e degli animali, ma anche dei fiumi, degli oceani e dei vulcani. Costoro, stanchi delle angherie subite dagli esseri umani, chiesero aiuto al Sole e lui si […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

Io, Ovidio e Goethe

tra Metamorfosi e Tristia. Per molto tempo, ogni anno a maggio lasciavo Baltimora per tornare in Italia. Mi prendeva un grande sconforto. Sapevo che mi distaccavo da amici veri, da colleghi, da compagni di sport e feste. In definitiva da un mondo che amavo e nel quale avevo trovato il mio posto. Gli stessi sentimenti provavo nel gennaio successivo quando lasciavo l’Italia per tornare oltre oceano chiedendomi perché non riuscissi a stare fermo in un posto. Mi ritornavano a mente i versi dei Tristia di Ovidio citati da Goethe alla fine del suo viaggio in Italia: ‘Cum repeto noctem…’ e anche a me […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...

Gap

La lezione di Cassandra

Libertà di seduzione e libertà di parola “In principio a nessuno era permesso pensare liberamente; ora è permesso, ma nessuno è più capace di farlo. Oggi la gente vuole pensare solo ciò che si presume che essa voglia pensare, e questa viene considerata libertà”. “Ciò di cui abbiamo bisogno, non è la libertà di stampa, piuttosto abbiamo bisogno della libertà dalla stampa” (Oswald Spengler) Il mito di Cassandra, la più bella delle figlie di Priamo, aiuta a comprendere il mondo dell’informazione. La storia è ben conosciuta. Accadde che Apollo s’innamorasse perdutamente di Cassandra il cui nome in greco antico significa non a caso […]

Continue Reading

Ti potrebbe anche interessare...