BASTA MEDIOEVO!

“Basta medioevo”! Così sbottò la mia compagna di viaggio durante un lungo tour della Toscana e dell’Umbria una ventina di anni fa. Tra le stradine di Gubbio scoppiammo in una sonora risata perché la frase rappresentava perfettamente lo stato d’animo che avevamo maturato dopo quasi una settimana a gironzolare tra Cetona, San Cassiano, Chianciano, Montalcino, Pienza (questa è un po’ diversa, ma alla fine non tanto), Arcidosso, Orte, Orvieto e quant’altre mai. Certo, luoghi magnifici, interessanti. Pieni di storia e leggende, misteriosi quel che basta per immaginarsi fantasmi di eroici cavalieri, di santi predicatori e di crudeli signori aggirarsi tra quelle pietre che da lì non si sono mosse per mille anni e talora duemila e più, vista la discendenza romana ed etrusca di tanti di quei borghi. Il fascino di questi paesi abbarbicati sulla cima di montagne è innegabile. Ti addentri per minuscole stradine che talora si confondono con cortili, piccoli e grandi castelli, logge, brevi porticati, piazzette del mercato, scale a vista, in un disordine urbanistico – solo apparente? – che oggi sarebbe inaudito nelle nostre città, ma che attira i turisti nei borghi medievali. E il turismo e le nuove residenze restaurate, ridanno vita a centri che sembravano sul punto di morire negli anni Sessanta. Un urbanista contemporaneo potrebbe definire queste costruzioni come una serie di abusi edilizi: case rialzate, aggiunte, edifici e torri collocati nel bel mezzo di una via senza preoccuparsi di bloccare la viabilità. Abitazioni costruite come appendici di antiche chiese. Chissà se gli abitanti allora ne discussero e cercarono di opporsi. Probabilmente, molte controversie, piuttosto che con un ricorso al TAR, allora si risolvevano facendo volare qualche testa. Tra queste viuzze medievali, non ci si stanca mai di trovare uno scorcio interessante, decorazioni inattese e capitare improvvisamente, girato un angolo, davanti a un panorama mozzafiato. Si viene presi da un desiderio compulsivo di fotografare tutto perché tutto sembra svanire pur nella stabilità delle pietre. E nulla si trattiene di queste città a causa dell’immane diversità accumulata nei secoli, ma anche – e direi soprattutto – perché in queste città sembra mancare una logica che ne permetta di coglierne l’anima nel suo insieme. Sì, il borgo esiste ha un nome, una storia e una struttura, ma si articolano in talmente tanti dettagli da perdersi nel ricercare un filo conduttore. Ti rendi conto che queste case affastellate hanno una loro razionalità, ma soprattutto esprimono un’anima… che sfugge come un fantasma. Il fascino del borgo medievale sta in questo desiderio di inseguire e cercare quel che non si vede, ma si sente che esiste. Tuttavia, un desiderio, per definizione, è irrealizzabile e questi borghi, tutti diversi e tutti eguali, dove ogni dettaglio non somiglia all’altro, sono inafferrabili. Se ti lasci trascinare dai desideri ne diventi schiavo e continui a vagare e cercare senza sosta. Se invece riesci a liberarti da questa dipendenza dalle cupe e strette viuzze, prendi la macchina e ti rechi in una città rinascimentale, barocca o moderna dove la razionalità è evidente e unica, la bellezza esibita, gli spazi accessibili è allora che puoi finalmente prorompere in un liberatorio: “basta medioevo”!

Continue Reading

AFTER THE VIRUS

What we could become in a more resilient world

Notwithstanding all these damned restrictions, we need to stay positive. Not about the virus! We must think how to transform the crisis into an opportunity for further progress. This is a recurrent commonplace, sorry about that, but there are good reasons to repeat it. As US senator Cory Booker reminds us, the corona virus crisiscan expand our moral imagination. We are “resilient”.  I need to use a word I heard for the first time in English, after the Twin Towers attack, and later after Hurricane Katrina. It’s an old term that Bacon and Descartes used in Latin (“resiliens”), and has since been included in specialised languages, such as materials science, psychology and ecology. More recently, social sciences have adopted this old neologism (sic!), and the media have followed. “Resilience” describes the capability of a social and economic system to react to catastrophes by absorbing them, bouncing back to the preceding state, and even making a leap forward. The Latin word “resiliens” means to rebound, recoil, jump back. Nowadays, “resilience” is a synonym of hope. 

There are more serious problems in the world than the coronavirus: wars, hunger, climate change. We endure the daily carnage of car, home and work accidents. Covid-19 is different: it is an organisational global calamity, which we must cope with all together. The geography of health has erased all borders and revised the relations between states and populations. We are becoming more aware of social injustice in our health care systems, which affects human welfare even more than any specific disease. The COVID-19 pandemic will result in social research never seen before. Experiments trigger scientific progress in natural sciences, but mass testing is hardly possible in social science research, and rarely allowed in normal times. 

That is why change and progress are slow and contradictory, except when a serious crisis occurs, such as the coronavirus infection. We are learning to keep physical distance from each other. You may notice people exaggerating, keeping as many as ten metres from each other. We see this in the Italian region where I live (Venetia), an area already inhabited by hygiene-obsessed people. Our supermarkets provide masks and disinfectant, so that everyone washes their hands before and after shopping. We are advised to wash even the outer packaging before opening food products. If I were an investor, I’d buy shares of hygiene products and pharmaceutical companies.   

Perhaps the most important challenge to our resilience is the widespread use of remote work and meetings online; they will become even more routine than they already are. We could have adopted this new working style a long time ago, but we have prioritised personal interaction. Old regulations, trade union inertia, and technology aversion have made us prefer the good old style. We now realise that we do not need to move from one place to another to comply with most of our duties and errands. All this might hasten two major changes that have proceeded at a very slow speed: mobility and traffic; housing and construction. We can be much more active than we believed by just sitting in our living room in front of the screen. Hence, we can drive less, and the demands on our mobility infrastructure will not be as urgent as many citizens and (who knows why?) the construction lobby petulantly claim. 

We may not need new roads, new rails, bridges and highways, so much as more electronic connections and nicer neighborhoods. Investment should go in the direction of facilities and infrastructures that reduce the need for mobility, such as e-commerce, home delivery, 3D printing, and remote work facilities and organisation. It’s not necessary to shut down what we have been used to. We all hope that soon we’ll go back to catch up with friends at the café and restaurants; go to the office just to meet the colleague we like or deal in person with the boss for a pay rise; see our students and talk with them face to face; and so on. But we’ll find out that all this can be reduced by something between 10 to 50 percent, depending on the job, on individual preferences, and on the role of personal interaction. Spending more time at home implies wider participation in neighbourhood life. City form and urban design will change. Paradoxically, remote work might improve proximity, as well as civic and personal relations. 

Remote education is another possibility that technology offers to change lifestyles. Students can listen to online classes and meet with the teachers and professors just a couple of days per week. They can choose the time to open the class file and organise their days as they prefer, and so can the professors. The rigid, militaristic educational system might become more flexible. If the students move less, the cultural life of the place where they live would also be affected. Would such a restructuring be an improvement? Who knows? Certainly, we’ll realise that routines can be different. A major transformation is likely to occur in the health care systems. It is crystal clear that they are not prepared for pandemics.  Only now we realise that, if this has happened, another pandemic – even more lethal – could take place in the future. COVID-19 shows us how the elderly, a large proportion of the population, are very fragile.  We need to clarify ethical principles about how to manage such large-scale emergencies and priorities. Many observers claim that the obligation to stay at home will provoke a conspicuous rise in divorce and domestic violence. No; resilience will bring the spouses together and enhance family life.  Wives, husbands and children will have more time together and will learn to listen. 

On a lighter note, extramarital affairs are likely in much greater danger than marriages.  Given the logistical, health and legal issues, unofficial partners will feel neglected, and jealousy will grow exponentially. As a consequence, the overall number of couples will not vary substantially.

Continue Reading

GRAMSCI E FACEBOOK

I “Quaderni dal carcere” rassomigliano ai post di un blog o di una pagina Facebook. Gramsci è stato il primo blogger di successo dal punto di vista letterario e del pensiero politico. Anzitutto, come molti blogger sapeva che nessuno o pochissimi l’avrebbero letto, almeno finché ci fosse stato il fascismo. In effetti andò proprio così e, prima di potere avere un’edizione critica e organizzata per materie dei Quaderni, bisognerà attendere il 1975 (a cura di V. Gerratana per Einaudi. Un’edizione parziale curata dal PCI fu in effetti già pubblicata nel 1948). 

Ma i motivi più importanti per cui i Gramsci scrive come in un blog sono altri due. 

Il primo riguarda la personalità dell’autore. Gramsci fu il fondatore del PCI e morì in odore di (laica) santità a causa del carcere subìto. Senza il suo carisma, non si sarebbe fatta attenzione alcuna ai suoi confusi appunti di oltre quindici anni prima, molti dei quali peraltro andati perduti. Nessuno si sarebbe dedicato con pazienza alla problematica analisi dei suoi scritti al fine di collegarli tra loro e trovare il filo conduttore di un pensiero coerente e articolato divenuto in seguito influente nella cultura mondiale. Dunque, per essere letto, un blogger deve già essere un personaggio influente e noto.

Il secondo motivo per cui Gramsci e i suoi Quaderni sono gli antesignani dei blog sta proprio nella forma in cui si esprime. Non scrive un trattato organico, ma elabora il proprio pensiero in successivi “post” allo scopo di chiarire e trattenere i propri pensieri. Scrive per stesso nella con una flebile speranza di essere un giorno letto. Esisteva, e in parte rimane, il culto per la parola scritta e stampata che ha accomunato tutti gli scrittori prima dell’elettronica. Una specie di feticismo per la carta stampata.

Conclusione: Leggere i Quaderni di Gramsci oggi sembra facile perché siamo abituati a letture brevi e anche a passare da un argomento all’altro con facilità. Siamo affascinati dall’emozione di alcune sue idee e sorvoliamo su altre che ci annoiano. Non poniamo attenzione sul dispiegarsi dell’argomentazione. Quando quarant’anni ne affrontai lo studio sistematico dei Quaderni, in un corso tenuto da David Harvey, ne compresi la difficoltà di interpretazione e la ricchezza di riferimenti ad altri autori e a scuole di pensiero. E fu faticoso… più che lasciarsi incantare dall’aforisma o dai pensieri in fuga che appaiono e scompaiono sullo schermo.

Continue Reading

Boulder: La solita strage

A Boulder, Colorado, succede un altro omicidio di massa, quello che in altri Paesi viene definito un attacco terroristico. La cosa mi colpisce in particolare perché a Boulder ha sede l’University of Colorado e un grande centro di atleti che allenano la resistenza approfittando dell’altitudine (m. 1600 s.l.m.). Ho tenuto dei corsi all’università e allo stesso tempo ne ho approfittato (avevo quarant’anni) integrarmi anche con la comunità di mezzofondisti tra cui il mitico Frank Shorter con il quale mi ero allenato e gareggiato nel 1971 a Bologna e alla 5 Mulini. 

La strage è ormai una delle tante che hanno afflitto gli Stati Uniti e in particolare il Colorado (la più famosa fu quella di Columbine descritta nel reportage di Michael Moore) negli ultimi due decenni a frequenza crescente, ma naturalmente questa mi colpisce particolarmente perché ho un preciso ricordo dei luoghi e della cittadina. Infatti, mi sembra incredibile che un fatto così sia potuto succedere in una città bellissima e serena, mediamente ricca, una capitale dello sport e della salute, un centro di New Age trent’anni fa e ora costellato di centri Yoga, negozi di cibi organici, cura del corpo e della salute e ispirata dalle politiche ambientaliste di cui costituisce un centro importante e il motivo per cui mi ci ero recato per studiare e collaborare con quell’ambientalista antesignano che era Kenneth Boulding. La cosa più strana sta nel fatto che Boulder è (o era, visto che ci manco ormai da 20 anni) è una città sicura: i residenti lasciano le case e le auto aperte; gran parte si muovono in bicicletta o a piedi, tutto ispira un’aria di serenità e collaborazione. 

Eppure, questo succede e certo non più di rado. Poi il governo degli USA si preoccupa della democrazia e della sicurezza in altri Paesi e noi europei ancora li seguiamo in tutto e per tutto da settant’anni assumendone le abitudini, i modelli organizzativi, persino il linguaggio, guardando i loro film e disegnando le nostre città, le nostre strade e centri commerciali sul modello importato da oltre oceano. Un virus si è diffuso in quella società da molto tempo ormai… e non è il Covid! Vediamo di non importare anche questo. In Russia, il governo ha dichiarato di non volere essere più invaso dai film americani e forse una riflessione sul primato morale degli Stati Uniti, dovremmo farla anche noi. Sarà utile imparare ad elaborare nuove idee e nuovi modelli senza rifiutare pregiudizialmente, senza adeguarci passivamente, ma sapendo distruggere i paradigmi elaborandone di nuovi con coraggio.

Continue Reading

Sesso genere e sport

Una pallavolista transessuale – Tiffany – che giocava nella serie B maschile belga, una volta cambiato sesso, è stata tesserata in Italia tra le donne. Le polemiche (accese) e le riflessioni si sono concentrate sugli aspetti psicologici ed etici, trascurando i contenuti sportivi. Per di più di uno sport giocato da professionisti. Si tratta di un tema di grande attualità anche fuori dal mondo sportivo. Le posizioni sono molte e contrastanti sebbene appaia inarrestabile la tendenza all’accettazione della libera scelta del soggetto e il suo diritto di essere parte a pieno titolo della società anche se cambia sesso.

Nello sport i problemi si complicano. Nel 2015, una commissione di venti esperti scelti tra medici, legali e altri specialisti convocata dal CIO (Comitato Olimpico Internazionale) ha stabilito i criteri di “riassegnazione del sesso” nello sport. Sono state stabilite linee guida precise tra cui che: (a) i trans-atleti non devono essere esclusi dallo sport, ma compito delle organizzazioni sportive è garantire la lealtà delle competizioni; (b) il cambiamento chirurgico del sesso anatomico non è più un requisito preliminare; (c) coloro che transitano dal sesso femminile a quello maschile sono idonei a competere senza nessuna restrizione; (d) coloro che transitano dal sesso maschile a quello femminile sono idonei a competere a condizione di rispettare alcuni parametri di testosterone chiaramente fissati per periodo stabiliti.
Ma la questione non è risolta poiché subentra un problema la cui soluzione appare molto più complessa dal punto di vista propriamente fisiologico e agonistico.
I livelli di testosterone, prima e dopo l’operazione, possono rientrare nella norma stabilita. Ma durante l’età della crescita dell’atleta i livelli di testosterone e di altri ormoni hanno determinato al transessuale uno sviluppo muscolo-scheletrico e un’antropometria maschile. Altrettanto si può dire di alcune vie metaboliche energetiche che presentano differenze sessuali a favore dei maschi dal punto di vista delle prestazioni sportive. Quindi limitare la sola differenziazione a livello ormonale del testosterone è riduttivo. Tra l’altro, nelle femmine i valori di testosterone erano abitualmente attorno 0,2/0,4 mg/mol con qualche punta a 0,6 mentre nei maschi si arrivava attorno ai 4,2. È molto più verosimile trovare valori di 2,88 mg/mol negli atleti maschi che non nelle donne. Le differenze di prestazioni atletiche fra maschi e femmine sono sotto gli occhi di tutti. Risulta chiaro che il passaggio da uomo a donna favorisce notevolmente il transessuale in ambito sportivo.

È ovvio che bisogna battersi contro ogni discriminazione nel permettere di praticare sport a chi è passato dal sesso maschile a quello femminile. La questione si pone in modo molto diverso se si tratta di sport professionistico per vari motivi. Anzitutto perché potrebbe incoraggiare la corsa al transessuale diventata femmina – dopo avere avuto uno sviluppo antropometrico da maschio. In secondo luogo perché tutti noi abbiamo dei limiti anche fisici nel praticare sport e altre attività. Non possiamo pretendere di giocare a basket (maschile) se siamo alti un metro e sessanta, né un maschio può avere la stessa grazia di una femmina nel praticare nuoto sincronizzato. Ma poniamo anche la questione dell’eguaglianza di generi. Se io buona atleta femmina, alta un metro e settanta mi opero per diventare maschio, potrò mai diventare un professionista della pallavolo o del basket? Casi di passaggio dalla categoria femminile a quella maschile sono rari se non nulli. Quindi si tratta di una discriminazione che penalizza le atlete femmine che decidono di diventare maschi.

La pallavolista Tiffany ha già disputato due gare, rilasciato interviste e partecipato a trasmissioni televisive in cui ha dichiarato che visto che sino a ora non ha guadagnato molto giocando con i maschi ora è arrivato il momento di monetizzare. Come si vede, la stessa atleta parla di una vera professione agonistica che presume considerazioni diverse da chi pratica l’attività sportiva per semplice divertimento. In questo caso la transessualità la pone in una posizione di vantaggio. Il problema non è affatto semplice. In questa vicenda sono comprese questioni di bioetica e di diritto della persona, ma anche implicazioni economiche e giuridiche non secondarie: non stiamo parlando del bullismo di un gruppo di liceali che rifiuta il diverso, ma di un’attività di sport professionistico e spettacolare che fa circolare rilevanti investimenti.

Corrado Poli con la collaborazione di Gian Paolo Chittolini preparatore atletico di Volley

Continue Reading

VIA LIBERA AD ASTRAZENECA

Era necessaria la sospensione?

L’EMA ha dichiarato che il vaccino AZ è “efficace e sicuro” e quindi Italia, Germania, Francia e gli altri Paesi che l’avevano sospeso riprenderanno a somministrarlo. Le nuove verifiche hanno portato soltanto a mettere in guardia i medici che somministrano AZ a fare attenzione a possibili complicazioni per possibili trombi. La presidente del comitato per la valutazione del rischio Sabine Straus ha tuttavia affermato che “ci sono ancora alcune incertezze”. I danni causati dalla sospensione e dalla circolazione di notizie che hanno provocato allarme sono evidenti. Volendo dare un’interpretazione più ottimistica, teniamo anche conto che questa vicenda ha dimostrato a coloro che sono pregiudizialmente contro i vaccini e contro le corporazioni tecnico-scientifiche che l’attenzione ai rischi di complicazioni ed effetti indesiderati, e la valutazione dell’inefficacia è alta da parte dei governi e degli scienziati. Questa è una buona notizia e, alla fine della vicenda, la fiducia nelle istituzioni dovrebbe essere aumentata anziché ridotta. Siamo in buone mani? Probabilmente sì, comunque siamo nelle mani di chi viene costantemente sottoposto a controlli e a confronti che spesso portano a situazioni incresciose e a qualche danno, ma nel complesso si mantiene alta l’attenzione. Ricordiamo che quando l’informazione è controllata e la politica non è pluralista, non si commettono questi presunti “errori di comunicazione”, ma succedono tragedie se non si dà credito a certi rischi sollevati da chi è giudicato inesperto. Vedi Chernobyl, Casale Monferrato e tanti altri disastri, compreso il Ponte Morandi il cui rischio di crollo era stato sollevato, ma sottovalutato. Quindi, critichiamo pure i no-vax e gli allarmisti di professione, ma consideriamo anche che svolgono una funzione importante costringendoci a sollevare problemi e a controllare chi opera.

L’EMA ha dichiarato che il vaccino AZ è “efficace e sicuro” e quindi Italia, Germania, Francia e gli altri Paesi che l’avevano sospeso riprenderanno a somministrarlo. Le nuove verifiche hanno portato soltanto a mettere in guardia i medici che somministrano AZ a fare attenzione a possibili complicazioni per possibili trombi. La presidente del comitato per la valutazione del rischio Sabine Straus ha tuttavia affermato che “ci sono ancora alcune incertezze”. I danni causati dalla sospensione e dalla circolazione di notizie che hanno provocato allarme sono evidenti. Volendo dare un’interpretazione più ottimistica, teniamo anche conto che questa vicenda ha dimostrato a coloro che sono pregiudizialmente contro i vaccini e contro le corporazioni tecnico-scientifiche che l’attenzione ai rischi di complicazioni ed effetti indesiderati, e la valutazione dell’inefficacia è alta da parte dei governi e degli scienziati. Questa è una buona notizia e, alla fine della vicenda, la fiducia nelle istituzioni dovrebbe essere aumentata anziché ridotta. Siamo in buone mani? Probabilmente sì, comunque siamo nelle mani di chi viene costantemente sottoposto a controlli e a confronti che spesso portano a situazioni incresciose e a qualche danno, ma nel complesso si mantiene alta l’attenzione. Ricordiamo che quando l’informazione è controllata e la politica non è pluralista, non si commettono questi presunti “errori di comunicazione”, ma succedono tragedie se non si dà credito a certi rischi sollevati da chi è giudicato inesperto. Vedi Chernobyl, Casale Monferrato e tanti altri disastri, compreso il Ponte Morandi il cui rischio di crollo era stato sollevato, ma sottovalutato. Quindi, critichiamo pure i no-vax e gli allarmisti di professione, ma consideriamo anche che svolgono una funzione importante costringendoci a sollevare problemi e a controllare chi opera.

Continue Reading

LEGGERE MENO ma MEGLIO!

(da una conversazione con Pier Massimo Forni)

Jean-Baptiste-Camille Corot “La lecture interrompue”(1870)

Oggi si legge poco. Meglio sarebbe dire che si legge male. Osservo il quadro di Jean-Baptiste-Camille Corot “La lecture interrompue”(1870). La donna rappresentata si sofferma a riflettere tenendo il segno con il dito sulla pagina. La rappresentazione di lettori che meditano con il libro in mano è frequente fin dal Rinascimento. Ricordo una conversazione con il compianto amico Pier Massimo Forni docente di letteratura italiana il cui ricordo ho riportato nella conclusione di un mio libro.… “Quel giorno, mentre conversavamo, Pier Massimo mi disse che Dante era un uomo di straordinaria cultura formatosi grazie a moltissime letture. L’affermazione mi sorprese e gli domandai se gli pareva possibile che Dante avesse letto più di lui. Rimase sorpreso poiché era ovvio che Pier Massimo – come gran parte di noi – avesse letto molto più di Dante. Ma se l’avesse ammesso, sulla base della precedente affermazione avrebbe dovuto concludere che la sua cultura era ancor più smisurata di quella di Dante. Cosa difficile a sostenersi senza apparire scioccamente presuntuoso. La domanda che segue è dunque: quanto è necessario leggere per dire qualcosa di innovativo? Non è forse giunto il momento di leggere di meno e pensare di più conservando il rigore logico? Non è forse possibile che il progresso della cultura possa procedere per detrazione del superfluo anziché per accumulazione delle conoscenze? O persino per abbattimento della conoscenza allo scopo di liberare un po’ di memoria inutilizzata e far posto nelle nuove menti a un pensiero nuovo su cui solo in seguito ritornare a reinnestare il vecchio? Invece che sentirci costretti a riferirci al passato per pensare il futuro, forse è giunto il momento di ripartire da zero: riformattare i cervelli e salvare la memoria in una chiavetta. Non sono i libri letti né le esperienze fatte che formano la cultura, ma la capacità di elaborare gli stimoli esterni che possono giungere sia dai libri sia dalle esperienze. Talora è necessario trasportare mille sacche di grano e si dovrà usare un cavallo frisone; talaltra è necessario correre veloci (con il pensiero) e nessun cavallo frisone sarà più veloce di un cavallo berbero. Il momento è giunto di lasciare in stalla i cavalli frisoni e lanciarsi nella corsa con i cavalli berberi” … (dalla conclusione del mio saggio “Città Flessibili”, Instar, Torino 2009, “Zeitgast in Babel … e Umberto Eco mi appare in sogno”.

Continue Reading

MA VAI A LAVORARE!

Lavoro e rivoluzione del tempo

Fino a trenta o quarant’anni fa, se la mattina facevi jogging sull’argine, sicuramente qualche veneto laborioso ti avrebbe apostrofato con un perentorio “ma vai a lavorare”! Oggi, siamo abituati a vedere podisti e ciclisti di tutte le età a qualsiasi ora, maschi e femmine di tutte le etnie. Sono frequentati costantemente i centri commerciali, i bar, le palestre, i cinema, i circoli, le associazioni di volontariato, le piste da sci, i corsi di scrittura creativa, di lingue, di yoga, di cucina. Per non parlare di viaggi e vacanze. C’è più tempo per manifestare, protestare e partecipare alla vita civile, associativa e politica sebbene sempre meno persone vadano a votare e si iscrivano ai partiti. Occupazioni una volta relegate nel poco tempo libero del lavoratore, oggi sono per molti la parte principale della vita. Così che, mentre un tempo ci chiamavano con il nome del lavoro che svolgevamo, oggi spesso ci identifichiamo nelle attività non lavorative. I sociologi parlano di società degli stili di vita che prescindono dall’occupazione ufficiale e in gran parte dal reddito, ma dipendono dal modo in cui si passa il tempo in cui non si lavora. Questo tempo è cresciuto a dismisura.Se prendiamo un lavoratore occupato per quarantadue anni a trentacinque ore la settimana e una speranza di vita di 85 anni, è stato calcolato che lavorerà circa l’8% della sua intera vita e il 13% della vita da sveglio. Cosa fa il resto del tempo? Ai tempi di Marx, Turati e Gramsci, il lavoro occupava il 70% del tempo da svegli di gran parte dei lavoratori. Nel corso di un paio di generazioni la parte della vita che dedichiamo al lavoro s’è drasticamente ridotta per motivi sociali e tecnici, ma anche biologici: in media viviamo dieci anni di più che nel 1950 e dall’inizio del secolo scorso la nostra speranza di vita alla nascita è cresciuta di circa il 40%! Il tempo che dedichiamo all’istruzione elementare è diminuito in rapporto alla durata della vita, ma è aumentato quello dedicato all’istruzione superiore e alla formazione continua. Per la prima volta nell’attuale società convivono quattro generazioni, quando solo cinquant’anni fa a stento ce n’erano tre: passiamo tutta l’età adulta e lavorativa alla presenza dei nostri genitori: persino gli psicanalisti ne dovranno tenere conto! Sociologi ed economisti già lo fanno poiché nella stessa famiglia talora abbiamo genitori e figli entrambi pensionati nonché giovani disoccupati o eterni studenti (loro malgrado). Facciamo l’amore sei volte di più che un secolo fa (dato rilevato non si sa come), procreiamo sei volte di meno e ci sposiamo ripetutamente. L’etica del lavoro dei veneti, che ci ha condotto a un’opulenza oggi messa a rischio dalla crisi, la si applica al solo 13% della vita. Per il resto del tempo “liberato” è necessario trovare valori adeguati alla nuova situazione. Su questi dati vale la pena riflettere per riorganizzare le nostre vite nonché l’impresa e un lavoro che tuttora garantisca il reddito e la libertà agli individui. Purtroppo tutto è cambiato tranne i linguaggi sindacale, imprenditoriale e politico che risalgono di fatto alla fine del secolo diciannovesimo. Con la vecchia retorica del dibattito politico sono rimaste cristallizzate anche le rigide soluzioni offerte alla disoccupazione.

Continue Reading

NUOVI STILI DI VITA

Una laureata in comunicazione apre una gelateria

Quando affronto l’analisi di “Piccolo è bello” di Schumacher, concludo sempre dicendo che per PENSARE IN PICCOLO E’ NECESSARIO UN GRANDE PENSIERO che a tutt’oggi non è ancora stato bene elaborato. Questo vale anche per la rivalutazione dei lavori manuali, o chiamati tali. In effetti, fare gelati o prodotti artigiani in genere presume (a) una rielaborazione culturale di se stessi, un cambiamento di atteggiamenti e valori; (b) la capacità di comunicarli agli altri (b1) per avere successo commerciale; (b2) per poter continuare a porsi in relazione con le persone che hanno lo stesso linguaggio e gli stessi stili di vita. La rivalutazione dei lavori manuali – che può anche equipararsi a una vera rivoluzione tecnologica nel modo di produrre una vasta gamma di beni ora industriali – per diventare un fenomeno di massa e di cambiamento sociale non può prescindere da un’operazione culturale e di comunicazione vastissima. Si tratta infatti di una rivoluzione sociale oltre che tecnologica. La grande industria, sempre necessaria, può essere affiancata da altre forme di produzione. Un profondo cambiamento era sul punto di decollare (o almeno iniziare) già una ventina d’anni fa, ma è stato inibito dalla mancata elaborazione di un pensiero e di politiche che lo sostenessero o per lo meno lo comprendessero. Oggi si continua a porre l’accento sull’occupazione e sulla povertà di ritorno, piuttosto che su ambiente e stili di vita che sarebbero un’altra via per attenuare le differenze sociali e lottare contro le emarginazioni.

Continue Reading